PIERLUIGI GHIANDA


Pierluigi Ghianda, Essenza di forme - Meraviglie del legno | Galleria Consadori 2010

[vc_row][vc_column][vc_empty_space][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”2/3″][vc_column_text]

Inaugura martedì 16 novembre 2010 alla Galleria Consadori la mostra dedicata a Pierluigi Ghianda. La mostra dal titolo “Essenze di forme – Meraviglie del legno” ospiterà oggetti e mobili della Bottega Ghianda.

La serata inaugurale sarà accompagnata da un incontro-conversazione con lo stesso Pierluigi Ghianda, maestro ebanista, lombardo appassionato e protagonista senza pari, per il modo di trattare il legno, della vicenda del disegno artigiano italiano dagli anni Sessanta ad oggi.
I suoi oggetti sono testimonianza di unʼarte di vivere dal sapore sofisticato, che sa apprezzare la bellezza magica di un incastro, lo scivolare vellutato delle superfici, i disegni delicati delle vene del legno, i suoi profumi: oggetti dʼuso levigati, fatti con maestria per la vista e per il tatto, ma anche per un piacere più profondo, quasi mentale: il piacere che si prova a contatto con la perfezione, a contatto con lʼarmonia di forme che sono tuttʼuno con la sapienza ineffabile della loro costruzione.
Il fare artigiano di Ghianda, come ha detto Ettore Sottsass, è “residuo mitico” di un antico modo di fare falegnameria; ma è soprattutto un fare che attribuisce alla ricerca della perfezione un valore morale, insieme allʼamore per la materia.
Incontrare Ghianda sarà lʼoccasione per avvicinarsi a questa esperienza unica, ed anche per ripercorrere la storia che intreccia lʼattività febbrile della sua straordinaria bottega con i disegni di Gae Aulenti, Cini Boeri, Vico Magistretti, Angelo Mangiarotti, Gianfranco Frattini, Mario Bellini e molti altri: una vicenda che ha concorso alla formazione del gusto della borghesia colta, milanese e non, gusto che apprezza lʼeleganza della forma per la sua necessità, lʼesaltazione della materia con cui è costruita, la capacità di trasfigurare la tradizione in astratta, stupefacente levigatezza.

Testo di Letizia Caruzzo

In mostra una selezione di importanti artisti del 900 italiano da Munari a Boetti,Castellani ecc con opere di piccolo formato.

Oggetti luminosi di Mauro Fabbro

Verrà presentata unʼ anticipazione del documentario “Pierluigi Ghianda” a cura di Studiolabo e Patrizio Saccò.

INAUGURAZIONE martedì 16 novembre dalle ore 18.30

Salva

Salva

Salva[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/3″][vc_media_grid grid_id=”vc_gid:1466268998364-a4d5280e-afbd-9″ include=”1687,2490,2489″][/vc_column][/vc_row]